Il litio geotermico si sta affermando negli ultimi anni come alternativa più sostenibile rispetto ai metodi di estrazione tradizionali di questa ormai ricercatissima materia prima.
Se
in Europa e negli Stati Uniti sono già stati avviati diversi progetti (illustrati in questo nostro articolo), anche l’Italia ha un grande potenziale nel settore. Potenziale che riguarda in particolare il sito di Cesano, località nella regione vulcanica dei monti Sibillini, alle porte di Roma.
La licenza per le esplorazioni estrattive in questo sito appartiene alla società australiana Vulcan Energy, che in luglio ha firmato un accordo con Enel Green Power: in pratica l’avvio ufficiale per lo sviluppo di progetti sul litio geotermico in Italia.

Da Cesano il via agli studi sul litio geotermico italiano

L’accordo fra Enel Green Power, società del Gruppo Enel dedicata allo sviluppo di impianti di energia rinnovabile nel mondo, e Vulcan, che ambisce a diventare il primo produttore globale di litio a zero emissioni, ha l’obiettivo di mettere in comune le rispettive competenze nella geotermia e nell’estrazione del litio per sviluppare iniziative congiunte, nel sito laziale e non solo.
In una prima fase di studio esplorativo si valuterà il potenziale della
licenza “Cesano” di Vulcan, che copre un’area di 11,5 km quadrati alle porte di Roma. La sinergia fra l’esperienza della società australiana nell’estrazione del litio e quella di Enel Green Power nell’energia geotermica consentirà di esaminare le prospettive e i possibili sviluppi di progetti sul litio geotermico in Italia ma senza escludere possibili collaborazioni all’estero.
“La scelta di puntare sulle fonti rinnovabili porta con sé la volontà di affrontare ogni giorno nuove sfide, da raccogliere con la capacità di innovarsi e l’entusiasmo di scoprire nuove opportunità -
commenta Luca Solfaroli Camillocci, responsabile Enel Green Power e Thermal Generation Italia - È il caso della geotermia, una fonte di energia rinnovabile che ha davanti a sé notevoli prospettive di sviluppo, e su cui abbiamo puntato con convinzione, tanto da diventarne leader mondiali: ecco perché siamo particolarmente lieti di questo accordo, che ci permetterà, lavorando al fianco di un partner di eccellenza come Vulcan, di esplorare le promettenti opportunità legate al litio geotermico e al calore della terra”.

Immagine: Dan Meyers (Unsplash)