Città circolari, ma anche comuni circolari. Gli studi sulla sostenibilità e la circolarità si focalizzano in genere su grandi aree urbane; eppure, in Italia, solo il 23% della popolazione vive in comuni con più di 100mila abitanti. È dunque, di preferenza, ai comuni medio-piccoli che si rivolge il nuovo Circular City Index sviluppato da Enel X in collaborazione con il dipartimento di Economia e Statistica dell’Università di Siena e basato esclusivamente su Open Data. Un tool disponibile gratuitamente per le amministrazioni che vuole supportare, con strumenti di analisi scientifici, la transizione circolare del Paese.

Cosa misura il Circular City Index

Il nuovo strumento sviluppato da Enel X si propone, in sintesi, due obiettivi: misurare il livello di circolarità urbana dei comuni e individuare le aree di forza e quelle di miglioramento.
Per
definire il livello di circolarità urbana vengono analizzati quattro ambiti chiave: digitalizzazione, ambiente ed energia, mobilità, rifiuti. Per ciascuno vengono attribuiti punteggi – definiti in base a confronti con normative o linee guida nazionali ed europee - che valutano il grado di implementazione di politiche e lo sviluppo di infrastrutture per avviare la transizione circolare.
Alcuni risultati delle misurazioni sono già disponibili. Per ora
il Circular City Index più alto è quello ottenuto da Calderara di Reno, un comune di 13.400 abitanti in provincia di Bologna. In generale si può dire che i comuni con popolazione superiore ai 100mila abitanti registrano in media livelli più alti in termini di digitalizzazione, ma valori inferiori ai piccoli comuni (con meno di 10.000 abitanti) per quanto riguarda la gestione dei rifiuti.

Valorizzare gli Open Data per aiutare l’economia circolare

Lo sviluppo del Circular City Index - commenta Francesco Venturini, amministratore delegato di Enel X - fa parte di un programma avviato da Enel X per rendere la sostenibilità e l’economia circolare disponibili a tutti attraverso l’utilizzo di Open Data, risorsa preziosa quanto frammentata, da elaborare e restituire alla collettività tramite indicatori ottenuti grazie a modelli sviluppati ad hoc e validati dai più prestigiosi centri di ricerca. In questo modo supportiamo le città a diventare sempre più sostenibili fornendo strumenti di analisi basati su metodo scientifico”.
A partire dal 30 settembre 2021, il Circular City Index è accessibile gratuitamente per le pubbliche amministrazioni di tutti comuni italiani, previa registrazione su YoUrban, il portale di Enel X dedicato alle municipalità.

Nell'immagine: San Gimignano, ph Erin Doering (Unsplash)