Due nuovi accordi internazionali stanno puntando su uno dei settori più difficili da decarbonizzare: la produzione di acciaio.
Nel corso del vertice del
G20 tenutosi in Italia a fine ottobre 2021, il presidente Joe Biden ha fatto un annuncio bizzarro ma significativo: gli Stati Uniti e l'Unione Europea stanno abbandonando le loro tariffe sull'acciaio e l'alluminio per adottare "il primo accordo settoriale al mondo basato sul carbonio", che entrerà in vigore nel 2024.
La settimana successiva, in occasione della
COP26, più di 40 leader mondiali hanno annunciato il Glasgow Breakthroughs, un impegno a decarbonizzare cinque settori ad alta intensità di emissioni di carbonio: acciaio, trasporti, agricoltura, idrogeno ed elettricità. I paesi rappresentano collettivamente più del 70% dell'economia mondiale.
Si tratta di un grande impegno. Le industrie pesanti sono tra le maggiori responsabili delle emissioni e non dispongono di grandi alternative per il mercato, e l'acciaio è uno dei peggiori colpevoli. Secondo RMI l
’acciaio rappresenta infatti il 7% delle emissioni legate all'energia.
Gli accordi rappresentano un chiaro segnale per lo sviluppo di un mercato in crescita per l'
acciaio verde. Sebbene sia in atto un'innovazione tecnologica e di mercato per aiutare a decarbonizzare l'acciaio, l'accordo crea le condizioni precompetitive per la commercializzazione dell'acciaio verde al punto da poter portare a una differenza significativa per il clima.
“Ogni settore è molto diverso dall'altro e sarà in grado di decarbonizzarsi a velocità diverse, richiederà un'innovazione tecnologica differente e diversi set di regolamenti e impegno.”
Naturalmente, i politici sono più propensi a prendere posizioni così ambiziose quando le soluzioni sono a portata di mano. Secondo la
Mission Possible Partnership di RMI, esiste un percorso tecnico per ridurre le emissioni dell'acciaio di oltre il 90% entro il 2050. Ci sono tre sviluppi recenti che mostrano che i mercati e le istituzioni si stanno allineando per renderlo una realtà.

Volvo svela un veicolo realizzato con acciaio privo di fossili

A ottobre, Volvo ha presentato quello che definisce il primo veicolo al mondo realizzato con acciaio SSAB privo di fossili. La vettura è destinata al trasporto del minerale nelle operazioni minerarie, ed è un segnale dell'impegno dell'azienda ad utilizzare acciaio verde.
La comunicazione arriva tre mesi dopo che la casa automobilistica svedese ha annunciato piani per la
produzione di auto con acciaio privo di fonti fossili a partire dal 2026, che ridurrebbe le emissioni incorporate nelle auto di circa un terzo.
In un certo senso, l'impegno verso l'acciaio senza fossili è una scommessa poco ambiziosa per Volvo. Il progetto di fabbricare automobili con questo materiale ha un sacco di rischi, compresi quelli di un eventuale abbandono se l'acciaio non dovesse essere all'altezza degli standard della Volvo o se il costo fosse troppo alto.
Tuttavia, la promessa è significativa e rappresenta un segnale per l'industria dell'acciaio verde; se le acciaierie troveranno il modo di produrlo, ci sarà domanda di prodotto.
"I grandi clienti dell'acciaio devono guidare la domanda, altrimenti non ci sarà abbastanza offerta per soddisfare le nostre richieste future", ha detto
Jonas Otterheim, responsabile dell'azione per il clima di Volvo Cars, a GreenBiz a luglio. "Qualcuno deve agire presto... È importante iniziare a seminare la domanda futura, anziché parlarne e basta”.

L'acciaio ad energia solare diventa realtà

Nel 2021 è stato lanciato ufficialmente in Colorado un nuovo impianto solare da 300 megawatt, che genererà elettricità per alimentare più del 90% dell'acciaieria EVRAZ Rocky Mountain. Lo sviluppatore, Lightsource bp, afferma che questo "permetterà all'acciaieria di produrre sia l'acciaio che alcuni dei prodotti in acciaio più verdi al mondo".
Secondo l’Ufficio Energia del Colorado (Colorado Energy Office), il progetto - Bighorn - è il più grande progetto solare in loco per un singolo cliente in tutto il Paese.
Ma non è il primo ad alimentare l'acciaio con il sole. Il primo di cui ho sentito parlare è stato nel
2017, quando il miliardario britannico Sanjeev Gupta ha annunciato i piani per alimentare un'acciaieria in Australia del Sud con un progetto solare e idroelettrico a pompaggio. Quel piano è stato recentemente aggiornato per accogliere l'idrogeno verde, con l'obiettivo di creare acciaio carbon neutral entro il 2024.

Le istituzioni finanziarie scommettono su quello che dicono

I principali finanziatori del settore siderurgico, tra cui Citi, Goldman Sachs, ING, Societe Generale, Standard Chartered e UniCredit, si sono riuniti a maggio 2021 per creare lo Steel Climate-Aligned Finance Working Group. Obiettivo: definire degli standard comuni per guidare la decarbonizzazione nel settore dell'acciaio.
Il gruppo di lavoro rappresenta l'allineamento del settore finanziario per accelerare la decarbonizzazione dei singoli settori. Le istituzioni finanziarie che rappresentano 130mila miliardi di dollari sono impegnate in iniziative net-zero, e questo gruppo mostra come i creditori stiano diventando più astuti quando si tratta di far pendere l'ago della bilancia per mercati specifici.
"Ogni settore è molto diverso dall'altro e sarà in grado di decarbonizzare a velocità differenti, richiederà diverse innovazioni tecnologiche e differenti set di regolamenti e impegno", ha detto
Remco Fischer, responsabile del cambiamento climatico presso il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente Finance Initiative, durante un panel sul ruolo del settore finanziario nella decarbonizzazione dell'acciaio. "Considerando tutto questo, abbiamo davvero necessità che le istituzioni finanziarie svolgano il loro ruolo all'interno di questi percorsi di settore e settore".

Questo articolo è stato pubblicato su Greenbiz.com

Immagine: Ant Rozetsky (Unsplash)